contatti
Per informazioni o richieste scrivete a:
info@lacollinadeiconigli.net
lacollinadeiconiglionlus@gmail.com
oppure telefonate a:
(dalle 19.00 alle 21.30)
331 8425800
(dalle 16.00 alle 20.00)
339 3798029

Per Lavori di Pubblica Utilità:
338 7791948
info@lacollinadeiconigli.net

seguici

facebook twitter youtube

donazioni
(leggi l'informativa)
Tramite bonifico intestato a:
La Collina dei conigli ONLUS
CC Banca Popolare di Milano AG.0121 Monza
Conto corrente 32048
IBAN IT84 V 05584 20400 000000032048
BIC BPMIITMMXXX

Tramite PayPal:
paypal

5x1000
Cos'è e come destinarlo a La Collina dei Conigli. Scrivi 94599720151 nella casella sostegno del Volontariato

ci sostengono
in costruzione

I manuali della Collina > Gerbilli >
IL GERBILLO-LINGUAGGIO


Quando ci si trova a convivere con degli animali è interessante e utile capire quali sono i loro comportamenti e cosa vogliono comunicare con un determinato atteggiamento. Il gerbillo è un animale fortemente sociale che ama la compagnia dei propri simili, è dotato di una spiccata curiosità e questo lo rende socievole e dinamico, sempre pronto a capire ed esplorare quello che gli sta intorno. Ma ora vediamo quali sono i principali linguaggi del corpo che lo caratterizzano e che possono essere interpretati anche da noi umani.. a volte basta solo un pò di spirito di osservazione:


Allerta o eccitazione sessuale: il gerbillo si metterà in piedi battendo ritmicamente le zampe posteriori (il suono sarà simile ad un piccolo tamburo). Questo atteggiamento ha una doppia valenza, può essere sintomo di eccitazione sessuale oppure ha lo scopo di mettere in guardia la colonia dopo aver fiutato un pericolo. Si potrà notare infatti come gli altri membri del gruppo si andranno momentaneamente a nascondere dopo aver sentito questo segnale.saluto amichevole


Il saluto amichevole: ci sarà uno strofinamento di musetti con delle leccatine, come una sorta di scambio di baci.


Relax: i gerbilli amano molto il contatto fisico tra di loro, dormono sempre insieme e il culmine del relax lo dimostrano quando si dedicano al grooming, pratica nella quale si leccano e si puliscono a vicenda con gli occhietti socchiusi.


timore

Timore: quando intorno c'è qualcosa che non va o che non capiscono, si mettono dritti in piedi, immobili, con le manine sul petto (come se stessero pregando) e restano in ascolto.


Curiosità: spesso evidente quando esplorano un ambiente nuovo. Girano freneticamente annusando e assaggiando (proprio con dei piccoli morsi) tutto ciò che li circonda.


Gioco: è un chiaro invito al gioco quando un gerbillo si poggia sulla schiena davanti al suo compagno, oppure quando da cuccioli usano le manine tra di loro come in un incontro di boxe.


Aggressività: l'atteggiamento che da cuccioli equivale solo ad un gioco ("fare la boxe"), da adulti assume una valenza aggressiva ma senza l'intenzione di farsi male (equivale ad una discussione). Un altro segnale di sfida è quello di gonfiare il pelo, mettersi al fianco del proprio simile e spingerlo. Questo può essere il preludio ad una lotta. Le lotte fra questi animali sono in genere molto cruente e, se lasciati a se stessi, possono anche portare alla morte di uno dei due o lasciare comunque ferite molto profonde, con un elevato rischio di infezioni da morso. Quando i gerbilli mordono e si attaccano con l'intenzione di farsi male, mirano ai fianchi e alla pancia avventandosi sull'altro facendo "la palla" e se sono ben motivati saranno anche difficili da dividere.


Dominanza: in genere si nota quando uno si appoggia sulla schiena del compagno (lo monta) a cui comunica la sua dominanza. In coppie equilibrate questo avviene senza conseguenze mentre, laddove il sottomesso non sia d'accordo, ci potranno essere degli scontri.


Questo è mio: i gerbilli hanno delle ghiandole addominali che secernono una sostanza odorosa tipica del singolo soggetto. Quindi, quando intendono marcare un territorio o un oggetto in particolare, li vedrete letteralmente strisciare la pancia sopra il punto in cui vogliono lasciare il loro odore. Altro modo per marcare, forse più comune, è quello con l'urina.


Pigolii: in genere sono animali silenziosi, ma talvolta si potranno udire dei pigolii (anche forti). A volte vengono emessi come segno di protesta, in altri casi come segno di sottomissione di fronte all'insistenza del compagno.


Nervosismo e irritazione: scuoteranno in maniera molto vigorosa la coda a terra (facendole fare un movimento simile a quello di un serpente)



Foto: dall'alto Mikey con Maya, Mikey
Testo e foto di Elisabetta Gallo.

< I manuali della Collina < Gerbilli