contatti
Per informazioni o richieste scrivete a:
info@lacollinadeiconigli.net
lacollinadeiconiglionlus@gmail.com
oppure telefonate a:
(dalle 19.00 alle 21.30)
331 8425800
(dalle 16.00 alle 20.00)
339 3798029

Per Lavori di Pubblica Utilità:
338 7791948
info@lacollinadeiconigli.net

seguici

facebook twitter youtube

donazioni
(leggi l'informativa)
Tramite bonifico intestato a:
La Collina dei conigli ONLUS
CC Banca Popolare di Milano AG.0121 Monza
Conto corrente 32048
IBAN IT84 V 05584 20400 000000032048
BIC BPMIITMMXXX

Tramite PayPal:
paypal

5x1000
Cos'è e come destinarlo a La Collina dei Conigli

ci sostengono
in costruzione

I manuali della Collina > Gerbilli >
Alimentazione


I gerbilli sono animali onnivori, l'alimentazione di base dev'essere costituita da acqua, fieno, mix di semi, frutta, verdura e proteine..


* Acqua: l'acqua non deve mai mancare. Dev'essere sempre fresca e pulita. A seconda della sistemazione possono andare bene sia le ciotoline di ceramica (sono pesanti e non possono essere rosicchiate) che i beverini. I gerbilli scavano molto e tendono a sotterrare tutto quello che sta intorno a loro, quindi se si decide di usare la ciotola questa va messa su un ripiano alto che rimanga pulito. Se si decide di utilizzare i beverini invece bisogna avere innanzi tutto la sicurezza che li sappiano usare e poi vanno controllati spesso perchè molte volte gocciolano (rischiando di formare muffe nella gabbia che sono pericolosissime) oppure si blocca la pallina nel beccuccio impedendo l'erogazione dell'acqua.


*Fieno: dev'essere preferibilmente polifita (ossia costituito da più tipi di erbe e fiori) per fornire un apporto completo. Dev'essere verde, profumato, non polveroso e va dato in abbondanza in quanto è fondamentale per mantenere un buon funzionamento dell'intestino, aiuta a limare i denti (che sono a crescita continua) ed è utilizzato anche per l'imbottitura del nido.


*Mix di semi: alcuni tra i più comuni semi e granaglie che si possono dare ai nostri gerbilli sono miglio, avena, orzo, mais, riso, lino, sesamo, girasole, zucca e grano. In commercio ci sono preparati già pronti specifici per gerbilli ma spesso è difficile reperirli, in alternativa vanno bene anche quelli per criceti.


*Proteine: i gerbilli in natura si nutrono anche di insetti, quindi la loro dieta deve comprendere anche proteine di origine animale. In genere sono già presenti nei mix pronti che si trovano in commercio (come per esempio larve della farina e derivati di carne). In aggiunta, ma solo saltuariamente, si possono dare rosso d'uovo (cotto), ricotta, yogurt naturale (anche di soia), formaggi poco salati e crocchette per gatti.


*Verdura: l'intestino dei gerbilli è molto delicato, quindi la prima verdura deve essere introdotta con cautela offrendone solo un pezzettino. Se non si verificano episodi di intolleranza (diarrea), allora si possono aumentare le dosi fino a darne una piccola quantità quotidianamente. Lo stesso discorso vale per qualsiasi verdura "nuova" si introduca nella dieta del piccolo. E' sempre bene comunque cominciare con quelle meno ricche di acqua.
Verdure commestibili: broccoli, carote, cavolfiore, cetrioli, cicoria, cime di rapa, coste, iceberg, indivia, lattuga (poca), peperoni, piselli (secchi o crudi, mai cotti), pomodori (non la parte verde), radicchio, rucola, sedano, spinaci, topinambur, verza, zucca e zucchine.
NO a melanzane, aglio, cipolla ed erba cipollina.


*Frutta: la frutta, come la verdura, deve essere introdotta con cautela, e va data comunque con parsimonia visto che è molto zuccherina e tenderebbe a farli ingrassare. In ogni caso, una volta alla settimana, possiamo proporre loro albicocca, anguria, banana, ciliegia, fragola, kiwi, lampone, mela, melone, mora, pera, pesca, prugna, uva (senza semi) e agrumi (in ridottissime quantità).


*Frutta secca: essendo animali golosi, una delle prelibatezze che i gerbilli non disdegneranno di certo è proprio la frutta secca. Una volta alla settimana possiamo quindi concederla offrendo loro arachidi, noci, nocciole..


ATTENZIONE: I semi di zucca, lino, sesamo, girasole e tutta la frutta secca sono alimenti con un elevato contenuto di grassi, quindi bisogna darne in piccole quantità, non quotidianamente, e per questo motivo sono da preferire i mix di semi che ne contengono in minima percentuale.


*Erbe aromatiche: altre erbe commestibili che si possono offrire sono salvia, ortica (secca), menta, basilico e malva.


*Un breve elenco dei legni considerati sicuri e pericolosi:
Commestibili: faggio, gelso, nocciolo, vite, nespolo, pioppo, olivo (sia secco che fresco comprese le foglie), magnolia e acacia. Pericolosi: albicocco, ciliegio, castagno, eucalipto, abete, noce, acero, mandorlo, alloro e mirto.



Foto: dall'alto Maya, Theodore, Mikey
Testo e foto di Elisabetta Gallo.


< I manuali della Collina < Gerbilli