contatti
Per informazioni o richieste scrivete a:
info@lacollinadeiconigli.net
lacollinadeiconiglionlus@gmail.com
oppure telefonate a:
(dalle 19.00 alle 21.30)
331 8425800
(dalle 16.00 alle 20.00)
339 3798029

Per Lavori di Pubblica Utilità:
338 7791948
info@lacollinadeiconigli.net

seguici

facebook twitter youtube

donazioni
(leggi l'informativa)
Tramite bonifico intestato a:
La Collina dei conigli ONLUS
CC Banca Popolare di Milano AG.0121 Monza
Conto corrente 32048
IBAN IT84 V 05584 20400 000000032048
BIC BPMIITMMXXX

Tramite PayPal:
paypal

5x1000
Cos'è e come destinarlo a La Collina dei Conigli. Scrivi 94599720151 nella casella sostegno del Volontariato

ci sostengono
in costruzione

I manuali della Collina > Criceti >
Il criceto e gli altri


. Il criceto e i suoi simili
. Il criceto e i cani/gatti
. Il criceto e gli altri animali

Il criceto e i suoi simili

fefe e petite I criceti sono animali che NON apprezzano la compagnia dei loro simili, anzi molto spesso è preferibile tenerne uno per ogni gabbia per evitare scontri molto cruenti.

I criceti sono animali dalla personalità molto complessa. Da cuccioli sono giocosi e coccoloni con i fratelli, dormono l'uno sull'altro in gruppetti anche numerosi. Crescendo viene fuori un lato del loro carattere che molti tendono purtroppo a sottovalutare: estremamente territoriali, se in natura vivono in colonie numerose in cui ogni nucleo si organizza il territorio per conto suo, in gabbia la smania di organizzare i propri spazi e averne il pieno possesso è portato all'estremo.
Soprattutto in cattività, è un animale fondamentalmente solitario, soprattutto a causa del ridottissimo spazio in cui è costretto a vivere (una grande gabbia non sarà mai grande come il territorio che avrebbero a disposizione in natura).

In particolare il criceto dorato è estremamente aggressivo con i propri simili (anche se non lo è con gli umani) e la convivenza tra due individui adulti è pressoché impossibile.
Anche se non impossibile, è comunque difficile anche che due individui di criceto russo/siberiano possano convivere tutta la vita pacificamente, la loro vita è generalmente costellata di continue zuffe (molte delle quali innocue) corredate da scenate, squittii e vocalizzi vari e che possono trasformarsi da normale zuffa in scontro vero e proprio senza alcun motivo apparente.
Invece è più probabile che la convivenza riesca tra due criceti roborosky.

La condizione indispensabile perché due criceti possano convivere, è che vengano abituati alla reciproca presenza fin dalla più tenera età. Se non per il breve approccio ai fini riproduttivi, l'incontro tra due criceti adulti scatena scontri violenti.
In particolare, le femmine sono molto più aggressive dei maschi, e generalmente due criceti dello stesso sesso finiscono per azzuffarsi, in particolare i maschi. Di conseguenza è preferibile la coppia maschio-femmina, ad ogni modo devono avere molto spazio a disposizione, cibo a volontà e possibilmente essere in non più di due.
Non devono mai essere messi nella stessa gabbia criceti di specie diverse, soprattutto mai un dorato insieme a un russo o a un roborosky, poiché questi ultimi sono di dimensioni molto inferiori e il dorato finirebbe con molta probabilità per sopraffarli.

È importante non dimenticare che quando si parla di 'scontri' fra criceti dorati o russi non c'è nulla da prendere sottogamba, sono animali tanto dolci e buffi con gli umani quanto pericolosi tra di loro.
È difficile che uno scontro non produca animali feriti (ferite da medicare attentamente perché non si infettino, senza contare che per un animale così piccolo anche perdere una goccia di sangue non è poco), e purtroppo non sono rari i casi in cui uno dei due contendenti arriva ad eliminare l'avversario.
Per questo motivo è bene non lasciarsi convincere da chi cerca di piazzare 'la coppietta felice' o 'i fratellini affiatati', e se lo si fa è importante sapere che bisogna sempre prestare un occhio particolare e costante e avere sempre una gabbia di scorta in cui trasferire di corsa uno dei due litiganti. Spesso infatti due criceti convivono pacificamente per mesi prima di decidere che il mondo è troppo piccolo per tutti e due, quindi non bisogna mai abbassare la guardia neanche nel caso di due animali apparentemente affiatati.

Il criceto e i cani/gatti

Per ovvi motivi i criceti non vanno mai accostati a un cane o a un gatto, soprattutto a quest'ultimo che, anche in cattività, mantiene un fortissimo istinto predatorio nei confronti di ciò che somiglia a un topo.
In realtà andrebbe possibilmente vietato al gatto l'accesso alla stanza in cui vive il criceto, senza inutili allarmismi e soprattutto senza colpevolizzare il gatto, che si comporta come natura vuole.
Se gatto e criceto convivono nella stessa casa, è consigliabile alloggiare il criceto in una gabbia in plexiglas ben chiusa.

Il criceto e gli altri animali

Con conigli e porcellini d'India il criceto tende ad avere un rapporto di reciproca indifferenza, anche se è ovviamente sconsigliabile lasciarli liberi insieme, a causa della forte differenza di stazza.

Nel caso di topolini, invece, la convivenza è da evitare perché a causa delle loro piccole dimensioni e della loro timidezza , di solito i topolini vengono aggrediti dal criceto; a sua volta un criceto diventerebbe probabilmente una preda per un ratto.

La presenza nella stessa casa di un criceto e un furetto è invece, per motivi evidenti, da evitare assolutamente.



< I manuali della Collina < Criceti