contatti
Per informazioni o richieste scrivete a:
info@lacollinadeiconigli.net
lacollinadeiconiglionlus@gmail.com
oppure telefonate a:
(dalle 19.00 alle 21.30)
331 8425800
(dalle 16.00 alle 20.00)
339 3798029

Per Lavori di Pubblica Utilità:
338 7791948
info@lacollinadeiconigli.net

seguici

facebook twitter youtube

donazioni
(leggi l'informativa)
Tramite bonifico intestato a:
La Collina dei conigli ONLUS
CC Banca Popolare di Milano AG.0121 Monza
Conto corrente 32048
IBAN IT84 V 05584 20400 000000032048
BIC BPMIITMMXXX

Tramite PayPal:
paypal

5x1000
Cos'è e come destinarlo a La Collina dei Conigli

ci sostengono
in costruzione

I manuali della Collina > Criceti >
Alimentazione


I criceti sono animali onnivori, ciò significa che hanno bisogno di una dieta estremamente varia e che comprenda anche proteine di origine animale.

Le miscele di semi che si trovano in commercio non sono adatte come alimentazione unica, perchè contengono troppi semi grassi (arachidi e girasole) e spesso sono composte da scarti e semi vecchi.

La base della dieta ideale dovrebbe comprendere una miscela di cereali (avena, orzo, grano, mais ecc), un muesli alla frutta per uso umano ma NON zuccherato, e semi oleosi (miglio, lino, vanno bene le spighette di panico e le miscele di semi per canarini). Sono alimenti facili da reperire: i cereali si possono acquistare sfusi in qualsiasi negozio di sementi, il misto per canarini anche al supermercato, il muesli non zuccherato in un negozio di alimenti biologici e dietetici e spesso anche nei grandi supermercati.
Tutto questo deve essere fornito al criceto quotidianamente, e sempre quotidianamente è necessario integrare la dieta con alimenti freschi e con proteine animali.

Come alimentazione fresca si può fornire verdura (cicoria, indivia belga, finocchi, topinambur, carote, sedano, broccoli, cavoli, ecc), lattuga e insalate in genere (soprattutto insalate miste, molto apprezzato il radicchio), erbe di campo (trifoglio, dente di leone), frutta di stagione (la più gradita resta sempre la mela, ma sono apprezzate e consigliate anche pera, kiwi, banana, uva, ciliegia, mandarino, fragola e frutti di bosco, pesca).
Ovviamente tutto fresco, crudo, lavato, asciugato e mai freddo di frigorifero!

Come proteine animali si possono dare croccantini per gatti, ricotta, rosso d'uovo sodo, grana, formaggi magri, yogurt alla frutta, ma anche carne lessa e tonno al naturale. L'animaletto gradirà anche sostituti veg come yogurt di soia e tofu semplice.
Anche questi alimenti vanno forniti quotidianamente, ma alternandoli e soprattutto in dosi non molto alte (es. due croccantini, non di più).

Se il criceto è in forma, si possono concedere una o due volte a settimana un cucchiaino di semi di girasole, una volta a settimana una nocciola o un pò di noce, e come leccornia ogni tanto un pezzetto di biscotto o di pane, o molto meglio un'uvetta.
Evitare assolutamente cibi dolci di qualsiasi tipo, soprattutto la cioccolata, o gli stick a base di miele che si trovano in commercio, vere bombe ipercaloriche.
Sono invece tossici cipolle, fagioli, germogli di patate, piccioli di pomodori, semi di mela e frutta in generale, e tra le erbe ranuncolo, sambuco, ligustro, alloro, foglie di quercia, e le foglie malate di qualsiasi pianta.
Se avete un dubbio su qualche alimento, NON dateglielo.

Per la quantità degli altri alimenti, il consiglio è di regolarsi in base al comportamento dell'animale.
Per gli alimenti freschi è importante eliminare ogni giorno quelli non consumati, e servirli lontani dalla casetta o dalla dispensa, in modo da evitare che il criceto ne porti con sè e li nasconda, mangiandoli poi quando sono vecchi o ammuffiti, con conseguenti intossicazioni anche letali. Fate in modo di posizionarli su una superficie di plastica lavabile, dove non possano attaccarsi alla lettiera nè inumidirla, né contaminarsi con escrementi.
Per gli alimenti secchi, si sconsiglia di fornire una dose precisa ogni giorno, meglio lasciare sempre la ciotola a disposizione con cibo abbondante. La motivazione risiede nell'abitudine del criceto di fare la dispensa: trovare una ciotola con poco cibo può scatenare in lui l'ansia 'da carestia', con conseguente stress costante per la ricerca di cibo. Nel caso di più criceti che convivono nella stessa gabbia, si potrebbero instaurare tensioni molto forti e scontri. Calcolate sempre che non tutto il cibo che sparisce dalla mangiatoia viene consumato subito, ma la maggior parte viene immagazzinato, quindi non è detto che un criceto che svuoti la ciotola si sia abbuffato.

Se l'animale ingrassa, la prima cosa da fare è aumentare le possibilità che faccia moto, secondariamente ridurre la quantità di cibi grassi, come i semi oleosi, e soprattutto le leccornie. Non limitate mai la quantità di cibi 'sani' (cereali, verdura, ecc). Difficilmente un criceto sano che ha un'alimentazione equilibrata, spazio sufficiente e poche occasioni per annoiarsi diventerà un animale grasso.
Come per tutti gli animali, anche un criceto troppo grasso va incontro a problemi di salute molto gravi, non è una questione estetica. È importante però evitare la fobia da ciccia, il criceto è di per sé un animale rotondetto, quindi non mettetelo a dieta stretta solo perché vedete una sana pancetta! Se non siete certi di capire se il vostro animale è grasso o meno, fatevi aiutare dall'occhio impietoso del vostro veterinario.


http://www.lacollinadeiconigli.net/criceti/alimentazione/

< I manuali della Collina < Criceti