contatti
Per informazioni o richieste scrivete a:
info@lacollinadeiconigli.net
lacollinadeiconiglionlus@gmail.com
oppure telefonate a:
(dalle 19.00 alle 21.30)
331 8425800
(dalle 16.00 alle 20.00)
339 3798029

Per Lavori di Pubblica Utilità:
338 7791948
info@lacollinadeiconigli.net

seguici

facebook twitter youtube

donazioni
(leggi l'informativa)
Tramite bonifico intestato a:
La Collina dei conigli ONLUS
CC Banca Popolare di Milano AG.0121 Monza
Conto corrente 32048
IBAN IT84 V 05584 20400 000000032048
BIC BPMIITMMXXX

Tramite PayPal:
paypal

5x1000
Cos'è e come destinarlo a La Collina dei Conigli. Scrivi 94599720151 nella casella sostegno del Volontariato

ci sostengono
in costruzione

I manuali della Collina > Conigli >
Le vaccinazioni

a cura del Dott. Roberto Granata


. Tipi di vaccini
. Protocolli vaccinali e frequenza delle vaccinazioni
. Reazioni vaccinali

E' possibile vaccinare i conigli per due malattie virali molto gravi: la mixomatosi e la malattia emorragica virale (MEV). Queste due infezioni, al contrario di quanto si potrebbe essere portati a credere, possono essere contratte non solo dai conigli selvatici, naturalmente piu' esposti alle malattie a causa delle loro condizioni di vita, ma anche dai conigli che vivono in appartamento attraverso la puntura di zanzare infette. Entrambe le malattie hanno esito mortale.
Per quanto il rischio in alcune zone non sia elevato, la gravità delle due malattie impone una seria prevenzione.

Tipi di vaccini

I vaccini per la mixomatosi contengono virus vivi che sono stati "indeboliti" e che una volta iniettati nel coniglio generano una forma di malattia benigna sub clinica (non visibile) che porta alla formazione degli anticorpi che poi proteggeranno l'animale da una successiva infezione. Per la mixomatosi la durata del vaccino è di quattro-sei mesi.

Per la malattia emorragica i vaccini contengono invece virus inattivati. I vaccini per questa malattia possono dare una protezione semestrale o annuale a seconda del liquido nel quale è dissolto il virus.

Alcuni vaccini contengono entrambi i virus (bivalenti).

Protocolli vaccinali e frequenza delle vaccinazioni.

La frequenza delle vaccinazioni e il tipo di vaccino deve essere stabilita dal veterinario in base al rischio della zona di residenza del coniglio.

Bisogna ricordare che per la mixomatosi non esiste un vaccino con la durata di un anno quindi la vaccinazione per questa malattia deve essere almeno semestrale. Utilizzando i vaccini che hanno una durata di quattro mesi è possibile ottenere una accettabile protezione vaccinando solo nel periodo caldo (una vaccinazione in primavera e una dopo 4 mesi). La vaccinazione ogni sei mesi può esporre il coniglio a qualche rischio se il quinto e sesto mese cadono proprio nel periodo maggiormente pericoloso (da luglio a metà settembre).

Reazioni vaccinali

Per la natura del vaccino (che contiene il virus vivo), può accadere che alcuni conigli manifestino dopo una settimana dalla vaccinazione dei sintomi riferibili alla mixomatosi. Questa forma benigna solitamente si esaurisce spontaneamente nell'arco di alcuni giorni. I conigli che sviluppano una reazione vaccinale hanno poi un tasso anticorpale maggiore con una protezione più lunga rispetto ai conigli dove non si è osservata alcuna reazione.

Altre reazioni vaccinali sono dovute al liquido che contiene il virus. Alcuni conigli, raramente, sviluppano un'eccessiva reazione locale nel punto di iniezione con la formazione di un gonfiore (granuloma vaccinale). Il granuloma può persistere per mesi per poi ridursi e sparire. Bisogna ricordare che nel gatto i granulomi vaccinali sono stati associati a un tumore locale (fibrosarcoma vaccinale). Se un coniglio sviluppa un granuloma vaccinale che mostra un'insolita persistenza dovrebbe essere sottoposto ad un intervento chirurgico per asportarlo.
Nei conigli che sviluppano granulomi è necessario cambiare marca di vaccino al richiamo successivo.


< I manuali della Collina < Conigli